1950 - 1968

Partecipazione alla Ricostruzione e grande impegno nell'arte.



Nel 1951 la Cassa eroga 2.500.000 di lire a favore degli alluvionati del Po, e altre 800.000 lire per dotare l'ospedale S.Anna di un elettro-cardiografo.
Due anni più tardi viene concesso un mutuo di 200 milioni all'Istituto Autonomo Case Popolari per finanziare la costruzione di appartamenti economici nella zona del Barco. Nel 1955 vengono consegnati 120 appartamenti ai "senza tetto" nel Villaggio della Cassa al Barco.
Nel 1957 esce, edito dalla Cassa, il Cosmè Tura di Mario Salmi. Viene inoltre offerto un contributo per gli scavi archeologici di Spina.
L'anno successivo viene pubblicato Francesco del Cossa di Alberto Neppi. Nel 1959 è invece la volta di Garofalo dello stesso Neppi, mentre nel 1960 Salmi firmerà Ercole de' Roberti.
Negli anni successivi verranno editi Pittura e miniatura a Ferrara nel primo rinascimento (Salmi), Carlo Bononi (Andrea Emiliani), Bastianino (Francesco Arcangeli), Scarsellino (Maria Angela Novelli), Il Dosso e Battista ferraresi (Amalia Mezzetti), Ortolano (Giuliano Frabetti), Lorenzo Costa (Ranieri Varese) e Ludovico Mazzolino (Silla Zamboni).
Nel 1962 100 milioni sono erogati per il restauro del Teatro Comunale.